Parassiti protozoari

Il tipo di protozoi (Protozoi) comprende oltre 15. 000 specie animali che vivono nei mari, nelle acque dolci e nel suolo. Oltre alle forme a vita libera, sono note molte forme parassitarie, che a volte causano gravi malattie: la protozoanosi.

Il corpo dei protozoi è costituito da una sola cellula. La forma del corpo dei protozoi è diversa. Può essere permanente, avere simmetria radiale, bilaterale (flagellati, ciliati) o non avere alcuna forma permanente (ameba). Le dimensioni del corpo dei protozoi sono generalmente piccole - da 2-4 micrometri a 1, 5 mm, sebbene alcuni individui grandi raggiungano i 5 mm di lunghezza e le radici fossili di vongole avevano un diametro di 3 cm o più.

i parassiti umani più semplici

Il corpo dei protozoi è costituito dal citoplasma e dal nucleo cellulare. Il citoplasma è delimitato dalla membrana citoplasmatica esterna, contiene organelli - mitocondri, ribosomi, reticolo endoplasmatico, apparato di Golgi. I protozoi hanno uno o più nuclei. La forma della divisione nucleare è la mitosi. C'è anche un processo sessuale. Consiste nella formazione di uno zigote.

Gli organelli locomotori dei protozoi sono flagelli, ciglia, pseudopodi; o nessuno. La maggior parte degli organismi unicellulari, come tutti gli altri rappresentanti del regno animale, sono eterotrofi. Tuttavia, tra questi ci sono anche autotrofi.

La particolarità delle condizioni ambientali avverse più facilmente tollerabili è la capacità di incitare, i. H. formare una ciste. Con la formazione di una cisti, gli organelli locomotori scompaiono, il volume dell'animale diminuisce, assume una forma arrotondata, la cellula è ricoperta da una membrana densa. L'animale entra in uno stato dormiente e, in condizioni favorevoli, ritorna a una vita attiva.

L'incistizzazione è un dispositivo che viene utilizzato non solo per proteggere ma anche per diffondere i parassiti. Alcuni protozoi (sporozoi) formano un'oocisti e, nel processo di riproduzione, uno sporocisti.

La riproduzione dei protozoi è molto varia, dalla semplice divisione (riproduzione asessuale - circa Biofile. Ru) a un processo sessuale piuttosto complesso - coniugazione e copulazione.

L'habitat del più semplice è vario: è il mare, l'acqua dolce, il terreno umido. Il parassitismo è comune. Molti tipi di protozoi parassiti causano gravi malattie nell'uomo, negli animali domestici, negli animali selvatici e nelle piante.

I protozoi possono muoversi con l'aiuto di pseudopodi, flagelli o ciglia e reagire a vari stimoli (fototassi, chemiotassi, termotassi, ecc. ). I protozoi si nutrono dei più piccoli animali, organismi vegetali e materia organica in decomposizione, forme parassite vivono sulla superficie corporea, nelle cavità corporee o nei tessuti dei loro organismi ospiti.

Diverse sono anche le modalità di assorbimento del cibo nel corpo cellulare: pinocitosi, fagocitosi, via osmotica, trasporto del principio attivo attraverso la membrana. Digeriscono il cibo che mangiano nei vacuoli digestivi pieni di enzimi digestivi. Alcuni di loro con simbionti intracellulari fotosintetici - clorella o cloroplasti (ad esempio euglena) - possono sintetizzare materiale organico da sostanze inorganiche attraverso la fotosintesi.

Toxoplasma

La toxoplasmosi (dal greco Toxon - arco, arco) descrive le malattie causate dai più semplici organismi unicellulari nelle più svariate parti del corpo umano, dove ha avuto luogo la loro introduzione e riproduzione. L'agente eziologico della toxoplasmosi - Toxoplasma Toxoplasma gondii appartiene al genere dei protozoi, alla classe dei flagellati.

Il toxoplasma è a forma di falce e ricorda una fetta di arancia: un'estremità del parassita è solitamente appuntita, l'altra è arrotondata, lunga fino a 7 micron. Il toxoplasma si muove scorrendo. Penetrano nelle cellule ruotando attorno all'asse longitudinale.

La moltiplicazione del Toxoplasma è asessuata, avviene dividendo longitudinalmente in due parti. Come risultato della divisione longitudinale ripetuta nel protoplasma della cellula ospite, si forma un accumulo di parassiti figli, che sono indicati come "pseudocisti". Le pseudocisti si trovano in gran numero in vari organi dell'organismo infetto durante la fase acuta dell'infezione. Sono circondati da una membrana molto scura, apparentemente formata dalla cellula ospite, e non hanno una membrana propria. Le cellule piene di tali parassiti vengono distrutte. I parassiti rilasciati invadono nuove cellule, vi si dividono nuovamente e formano nuove pseudocisti.

Quando l'infezione si trasforma in una forma cronica, il Toxoplasma rimane sotto forma di vere cisti (si circondano di un guscio speciale). Tali cisti hanno la capacità di persistere nel corpo di animali e umani per lungo tempo (fino a 5 anni). Le cisti si trovano anche nei tessuti dell'occhio, del cuore, dei polmoni e di alcuni altri organi. Il numero di toxoplasmi in una cisti varia da poche copie a diverse migliaia.

Giardia

Giardia è l'animale parassita più semplice della classe dei flagellati. È piriforme, lungo 10-20 µm; il lato dorsale è convesso, il lato ventrale è concavo e forma una ventosa per l'attacco temporaneo alle cellule epiteliali dell'intestino dell'ospite. 2 nuclei ovali, 4 paia di flagelli. Vive nell'intestino umano (soprattutto nei bambini), principalmente nel duodeno, meno spesso nel dotto biliare e nella cistifellea e provoca giardiasi. Sono comuni portatori di parassiti asintomatici. L'infezione da cisti si verifica quando i protozoi entrano nell'intestino inferiore attraverso la bocca, cibo o acqua contaminati entrano nel corpo, mani sporche, ecc. L'incidenza è sporadica. La giardiasi è comune in tutte le parti del mondo.

L'agente eziologico della malattia è lamblia - (lamblia intestinalis). Giardia è un parassita microscopico unicellulare. Giardia può resistere al congelamento e al riscaldamento fino a 50 ° C, ma muore quando viene bollita. Negli Stati Uniti, la giardiasi è la principale malattia gastrointestinale di origine parassitaria. Secondo INTERNET, la giardiasi colpisce fino al 20% della popolazione mondiale. L'infezione può verificarsi quando si beve acqua di rubinetto non bollita o ghiaccio da tale acqua, quando si lavano frutta e verdura con acqua non bollita. C'è un alto rischio di malattia quando si nuota in acque libere o in piscine infette da cisti lambliche. Un neonato può essere infettato durante il travaglio durante l'epidemia e il parto della testa. La via di infezione contatto-famiglia è meno comune, ma con un'alta prevalenza della malattia diventa abbastanza reale, soprattutto tra i gruppi di popolazione con scarse conoscenze generali sull'igiene.

Trichomonadi

Le cisti vaginali di Trichomonas non si formano, si nutrono di batteri ed eritrociti. Provoca infiammazione del sistema genito-urinario - tricomoniasi. L'agente eziologico della malattia viene trasmesso sessualmente. La contaminazione extra-sessuale (da articoli da toeletta condivisi con il paziente, letto, ecc. ) è meno comune. Può essere trasmesso da una madre malata a una neonata. La transizione della malattia in una forma cronica è possibile. Se viene riportato alle appendici, è difficile da trattare. Con la tricomoniasi, la vagina è più spesso colpita, c'è un'abbondante secrezione purulenta con un odore sgradevole; Si possono avvertire prurito e sensazione di bruciore nella vagina. Negli uomini, il sintomo è l'infiammazione dell'uretra (uretrite), accompagnata solo da una piccola quantità di secrezioni di muco.

ameba

Le amebe vivono in acqua dolce. La forma del corpo è incoerente. Esegue movimenti molto lenti (13 mm/h). Si muove con l'aiuto di pseudopodi, il corpo scorre da una parte all'altra: o si restringe in un nodulo rotondo o allarga le "ossa ioide" ai lati.

Gli pseudopodi vengono utilizzati anche per catturare il cibo. Quando mangia, il corpo dell'ameba lava le particelle di cibo da tutti i lati e entrano nel citoplasma. Viene creato un vacuolo digestivo. Questo tipo di cibo è chiamato fabitose. Il cibo è costituito da batteri, alghe unicellulari e piccoli protozoi. Le sostanze disciolte dall'ambiente vengono assorbite attraverso la pinocitosi.

C'è un vacuolo contrattile o pulsante nel corpo dell'ameba. La sua funzione è quella di regolare la pressione osmotica all'interno del corpo protozoario. La riproduzione avviene per via asessuata, attraverso la mitosi, seguita dalla divisione del corpo dell'ameba in due parti. Di grande importanza in medicina sono le amebe del genere Entamoeba, che vivono nel tratto digestivo umano. Questi includono la dissenteria o l'ameba istolitica.

Plasmodium della malaria

La malaria da plasmodio provoca la malaria, che si manifesta con attacchi di febbre, alterazioni del sangue e ingrossamento del fegato e della milza. Esistono quattro forme di malaria: malaria di tre giorni, di quattro giorni, tropicale e ovale. La fonte della malattia è una persona con la malaria e il vettore è una zanzara femminile della malaria. La zanzara femmina, che si infetta succhiando il sangue del paziente, sarà in grado di trasmettere il Plasmodium. Una persona sana viene infettata attraverso la puntura di una zanzara infetta da plasmodia, con la cui saliva i patogeni entrano nel corpo. Con il flusso sanguigno, i plasmodi raggiungono il fegato, dove attraversano il primo ciclo di sviluppo (tessuto), quindi passano nel sangue e penetrano negli eritrociti. Qui completano il secondo ciclo di sviluppo (eritrociti), che termina con la rottura degli eritrociti e il rilascio di agenti patogeni nel sangue del paziente, che è accompagnato da un attacco di febbre.